Troppi lupi in Svizzera: “Sì agli abbattimenti”

Il Canton Vallese intende limitare la presenza dei grandi predatori: raccolte quasi 10 mila firme
ANSA

Negli ultimi anni la presenza di lupi, linci e orsi è aumentata in Svizzera


Pubblicato il 25/01/2017
Ultima modifica il 25/01/2017 alle ore 12:16
domodossola

Il Canton Vallese intende limitare la presenza dei grandi predatori, in particolare lupi, linci e orsi. Lo chiede un’iniziativa popolare che nell’Alto Vallese ha raccolto 9.500 firme. Per il suo esito positivo ne sarebbero bastate 6.000. Quindi la proposta sarà messa in votazione nel Parlamento cantonale. Se non fosse accolta, la decisone finale spetterà ai cittadini che saranno chiamati a votarla. 

Negli ultimi anni la presenza soprattutto dei lupi è in crescita. Recentemente è stata segnalata una strage di pecore nella valle di Zermatt e gli alpigiani chiedono con forza misure radicali di contenimento. Attualmente la legge federale elvetica prevede che i lupi possono essere abbattuti se nel primo anno dalla loro comparsa uccidono almeno 35 pecore o capre nell’arco di quattro mesi, o 25 animali da reddito nell’arco di un mese. Diventa però difficile eseguire questi abbattimenti poiché i lupi spesso non sono stanziali, ma si spostano oltre i confini cantonali, raggiungendo l’Ossola e il canton Ticino. 

 

Al confine con l’Ossola  

Con la nuova proposta le autorità vallesane dovranno studiare norme per regolamentare il numero massimo dei gradi predatori, ossia stabilire il quantitativo necessario per raggiungere un equilibrio che garantisca la biodiversità delle specie senza danni eccessivi per gli alpigiani e per gli allevatori.  

Se la proposta sarà accolta (come è prevedibile), la normativa interesserà direttamente anche il confine italiano poiché l’Alto Vallese è considerato come l’area di provenienza della maggior parte dei lupi (e forse anche delle linci) che in questi anni sono stati segnalati nelle valli ossolane.  

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno