Charlottesville, polemica su Trump. La Casa Bianca: “La sua condanna include i suprematisti”

AFP

Feriti nel luogo in cui un auto ha travolto i manifestanti antirazzisti


Pubblicato il 13/08/2017
Ultima modifica il 13/08/2017 alle ore 20:07

La condanna di Donald Trump per gli scontri a Charlottesville include anche i suprematisti bianchi e il Ku Klux Klan. Trump condanna «tutte le forme di violenza, intolleranza e odio». Lo afferma la Casa Bianca precisando la parole di Trump, criticato a sinistra e destra per non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi. «Il presidente ha detto chiaramente che condanna tutte le forme di violenza, intolleranza e odio e ovviamente questo include i suprematisti bianchi, il KKK e neo-nazisti e tutti i gruppi di estremisti. Ha chiesto l’unità del paese», afferma la Casa Bianca.  

 

Consigliere della Casa Bianca: “Non ha voluto dare dignità ai suprematisti”  

Donald Trump non ha voluto dare «dignità» ai suprematisti nominandoli. È così che il consigliere per la sicurezza interna della Casa Bianca, Tom Bossett, ha voluto giustificare il presidente americano per non aver condannato esplicitamente i suprematisti bianchi per le violenze di Charlottesville. Secondo Bossett, intervistato ala Cnn, Trump «non solo ha condannato la violenza» ma ha anche esortato gli americani «ad amarsi l’un l’altro» il che rappresenta «un attacco fondamentale all’odio che abbiamo visto». Trump è stato attaccato da più parti per non aver parlato di terrorismo né aver condannato esplicitamente i suprematisti bianchi. Prima di essere presidente, Trump aveva più volte preso di mira il predecessore Barack Obama accusandolo di non voler parlare di «estremismo islamico radicale».  

 

Sindaco Charlottesville accusa Trump: “È colpa sua”  

Il presidente Donald Trump ha incoraggiato il razzismo organizzato che ha causato la violenza a Charlottesville. Lo afferma il sindaco della città, Michael Signer, puntando il dito direttamente contro il presidente americano. «Guardate alla campagna elettorale che ha fatto. La responsabilità dell’accaduto» negli scontri durante la manifestazione di suprematisti bianchi «è della Casa Bianca». 

 

Scopri La Stampa TuttoDigitale e abbonati

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno