Quella Fiat 132 targata Vercelli nel deserto del Cairo

La scoperta e la foto di un vercellese nel deserto egiziano


Pubblicato il 24/08/2017
Ultima modifica il 25/08/2017 alle ore 12:14
vercelli

Talmente incredibile da meritare uno scatto fulmineo. Come quello che un vercellese, residente per motivi di lavoro al Cairo, ha fatto con la sua macchina fotografica quando, ai piedi del deserto, gli si è parata di fronte una vecchissima Fiat 132 targata Vercelli. O meglio, l’auto è stata re-immatricolata in Egitto, con tanto di targa del paese nordafricano. Che però, avendo un formato quadrato, non ha coperto per intero la sigla «VC», scritta ancora in arancione come era solito vedersi tra gli anni ’70 e ’80. Cosa ci fa una Fiat 132 targata Vercelli in Egitto? La risposta, evidentemente, è da ricercarsi nella miriade di vetture italiane usate che, a un certo punto della loro esistenza, vengono rivendute in modo più o meno legale nei Paesi stranieri. 

Scopri La Stampa TuttoDigitale e abbonati

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi