A tavola la prima estate senza roaming

Federico F. Ferrero


Pubblicato il 07/09/2017
Ultima modifica il 07/09/2017 alle ore 09:51

Che meraviglia quest’estate, con la fine del roaming. Sono davvero crollati i confini d’Europa e gli italiani ci si sono accomodati a tavola, come a casa propria. I tramonti sulle spiagge di Formentera non sono mai stati così romantici: spenta per ordinanda la musica dei chiringuito, l’insalata di pesce secco e pane raffermo, accompagnata dal forte vino paesano, si è liberata dei giochi di sguardi, a favore delle infinite peripatetiche telefonate di chi si consigliava con l’amica a Roma sull’abbigliamento del dopo cena.  

 

E che dire delle cime del Tirolo austriaco, conquistate col fiatone, dove è stato favoloso brindare con un Riesling naturale e una scaglia di formaggio artigianale Bergkäse, immortalati dalla videochiamata rassicurante sulla meteorologia della costa romagnola. E la vista della Caldera a Santorini non è mai stata più complice per gli amanti all’ora di cena. Sciolto il banale intreccio di dita, hanno spalmato con una sola mano la crema di melanzane, mentre con l’altra stringevano ognuno il proprio telefono, per individuali, lunghissime, chiacchierate internazionali, che hanno enfatizzato il desiderio dell’incontro notturno consumato al suono di WhatsApp.  

 

E quando presto i bundle dati saranno illimitati, sui lettini di Saint-Tropez, si potrà finalmente sorseggiare lo champagne guardando in streaming la Formula1, senza le inutili parole che impediscono di godere di un gambero crudo. Che sapori! Sarà un’altra memorabile estate. 

 

federicofrancescoferrero.com  

home

home

Stile.it - ricette veg

Stile.it - ricette veg

Stile.it - ricette dolci

Stile.it - ricette dolci

Turismo.it - ricette etniche

Turismo.it - ricette etniche

I più letti del giorno

I più letti del giorno

I video di Buona Pappa

tutti i video