Incendio di Mortara, le analisi di Arpa: “Livelli di diossine non preoccupanti”

I primi esiti dei controlli dopo il rogo di rifiuti speciali di mercoledì alla «Eredi Bertè». I vigili del fuoco sono ancora al lavoro per spegnere gli ultimi focolai

L’intervento dei vigili del fuoco per spegnere gli ultimi focolai alla «Eredi Bertè» di Mortara nel quarto giorno di incendio


Pubblicato il 09/09/2017
Ultima modifica il 10/09/2017 alle ore 10:38
mortara (pavia)

Sono piuttosto tranquillizzanti i dati diffusi poco fa da Arpa Lombardia sulla concentrazione di diossina a Mortara dopo l’incendio in corso da mercoledì mattina nella ditta di gestione rifiuti «Eredi Bertè».  

 

Il primo campionatore installato in via Bossi Gregotti, che copre una fascia oraria da mezzogiorno di mercoledì alle 11 di giovedì, ha misurato 0,50 picogrammi equivalenti al metro cubo di diossina e furani. Il secondo dalla mezzanotte di mercoledì a mezzogiorno di giovedì in via De Cantiano ha registrato 0,44. Le concentrazioni sono solo lievemente superiori al valore di 0,3 per esposizioni prolungate nel tempo, oltre il quale l’Organizzazione mondiale della Sanità suggerisce di indagare la presenza di sorgenti da porre sotto controllo. La concentrazione di benzoapirene è inferiore a 0,33 e 0,66 nanogrammi al metro cubo. «Livelli di diossine non preoccupanti dal punto di vista ambientale» segnala l’agenzia in una nota delle ultime ore.  

 

 

Prevista pioggia  

«I valori rilevati – dice Bruno Simini, presidente dell’agenzia – sono in linea con le attese e comunque più bassi di quanto già rilevato anche recentemente in incendi analoghi. Inoltre, con lo spegnimento dell’incendio e grazie alle condizioni meteo favorevoli previste nei prossimi giorni è presumibile il totale abbattimento delle emissioni». Da stasera è prevista pioggia con rinforzo di venti che favoriranno la dispersione degli inquinanti. «Nelle valutazioni che seguiranno a carico delle autorità sanitarie competenti, osserva ancora l’Arpa, verrà tenuto conto anche della durata limitata del tempo di esposizione, dato che il rischio per questi inquinanti è di tipo cumulativo». Il monitoraggio continua. 

 

LEGGI ANCHE - Incendio in un’azienda di rifiuti speciali a Mortara. I sindaci: “Chiudete le finestre”  

 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno