Non si fermano all’alt della polizia: inseguimento con schianto in corso Risorgimento a Novara

A bordo della Chevrolet rossa c’erano cinque ragazzi minorenni: hanno tentato la fuga a piedi. Tre sono stati arrestati subito, gli altri in serata

L’auto della polizia danneggiata dopo l’inseguimento (foto Marco Piatti)


Pubblicato il 09/09/2017
Ultima modifica il 10/09/2017 alle ore 11:45
novara

Si è concluso con uno schianto fortissimo, all’inizio del sottopassaggio di corso Risorgimento a Novara, un inseguimento tra due auto della polizia e una Chevrolet rossa, con a bordo cinque persone: cinque ragazzi, minorenni. L’auto dei fuggitivi era stata intercettata poco fuori Novara, all’inizio di corso Risorgimento, verso le 12,30 di sabato 9 settembre: dalle indagini successive è emerso che era stata rubata a Milano. 

 

 

L’auto non si è fermata all’alt dei poliziotti: è nato un inseguimento a tutta velocità in corso Risorgimento, nel traffico cittadino del sabato mattina. La fuga si è conclusa all’incrocio con via Oxilia, a ridosso del sottopassaggio, dove una volante è intervenuta in soccorso dei colleghi mettendosi di traverso sulla strada ed è stata centrata in pieno dalla vettura dei fuggitivi, arrestatasi a sua volta all’inizio del sottopassaggio. Uno dei poliziotti è stato sbalzato fuori dall’abitacolo ed è rimasto ferito: è stato accompagnato all’ospedale Maggiore. I cinque a bordo invece sono scappati a piedi: due sono stati immediatamente fermati (uno all’altezza del parchetto di via Pernati), un terzo è stato catturato dagli agenti della Polizia ferroviaria. Gli altri due sono stati rintracciati in serata, uno a Novara, l’altro a Milano.  

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi