Dalla legna caricata nel bagagliaio spunta la droga: valsusino arrestato


Pubblicato il 11/09/2017
Ultima modifica il 11/09/2017 alle ore 11:29
chianocco (TO)

Nascondere i quattro panetti di hashish, per un totale di 400 grammi, tra la legna caricata sulla sua auto era sembrata un'ottima idea a Nicolas N., 33 anni, di Mattie. Nel caso fosse stato fermato dalle forze dell'ordine, la grossa catasta sarebbe stata un ottimo nascondiglio: o almeno così pensava il giovane valsusino. 

Invece, quando nel fine settimana i carabinieri della Compagnia di Susa si sono trovati davanti l'auto del trentatreenne per le strade di Chianocco, proprio l'eccessiva quantità i tronchi e ciocchi da ardere stipati nel bagagliaio ha indotto i militari a fermare la vettura. 

 

LEGGI ANCHE: Madre del pusher tredicenne fa sgominare due gruppi di trafficanti  

 

Una volta controllati i documenti, all'uomo i carabinieri hanno chiesto all'automobilista di scender la veicolo, per perquisire l'intero carico. E così sono saltati fuori anche i quattro panetti di stupefacenti infilati tra i molti pezzi di legna. Per il valsusino, a quel punto, sono scattate le manette, vista l'ingente quantità di droga, che lascia pensare a qualcosa di più che ad un acquisto per uso personale nelle fredde notti dell'autunno che sta per arrivare. 

Scopri il nuovo TorinoSette e abbonati

home

home