I richiedenti asilo risistemano il giardino Parri liberato dagli spacciatori

I migranti, originari di Bangladesh e Mali, vivono in diverse strutture della zona nord di Torino e sono seguiti dalla cooperativa «Il campanile»


Pubblicato il 11/09/2017
Ultima modifica il 11/09/2017 alle ore 14:05
torino

Ventuno richiedenti asilo si sono dedicati alla pulizia dell’area Parri nella mattinata di oggi, lunedì 11 settembre. Armati di cesoie e ramazze, per due ore e mezza hanno rimesso in ordine il giardino all’angolo tra via Ormea e via Petitti. Uno spazio solitamente degradato, presidiato dagli spacciatori, che invece da qualche ora vede la presenza di famiglie e bambini: «E’ la prima volta che mi fermo su queste panchine - racconta Angela Savino, una nonna - . Da tre anni porto a passeggio il mio nipotino in zona, ma in questo giardino non avevo mai avuto il coraggio di entrare».  

 

LEGGI ANCHE: Nei giardini abbandonati il libero mercato dei pusher organizzati come aziende  

 

I migranti, originari di Bangladesh e Mali, vivono in diverse strutture della zona nord di Torino e sono seguiti dalla cooperativa «Il campanile». Sono venuti a San Salvario nell’ambito di un progetto della Città organizzato con «Torino Spazio Pubblico», servizio di cittadinanza attiva del Comune (che stamattina ha fornito loro scope e sacchetti). L’obiettivo è risistemare non solo il giardino, ma tutta quell’area mal frequentata tra via Ormea, via Petitti e via Pietro Giuria. Ecco perché il loro intervento di manutenzione volontaria ha coinvolto anche il cortile della vicina scuola materna D’Azeglio, inutilizzata da quattro anni, diventata nel tempo altro luogo alla mercé dei pusher. Nel complesso sono stati riempiti 50 sacchetti con foglie secche e erbacce, ma anche bottiglie, lattine, cartacce, bicchieri in plastica, resti di cibo. I ragazzi, cui stamattina hanno fatto visita gli assessori Alberto Unia (Ambiente) e Marco Giusta (Pari opportunità), mercoledì saranno nuovamente a San Salvario. Continueranno l’intervento di pulizia nel cortile della piscina Parri e nella vecchia pista di pattinaggio, a sua volta inutilizzata da anni, dove sorgerà un nuovo orto urbano. Si tratta di uno dei progetti che saranno presentati domenica 17 settembre nell’area Parri, dove la Circoscrizione 8 organizzerà una giornata di festa aperta a cittadini e associazioni del territorio

 

LEGGI ANCHE Tutti gli articoli di questa sezione  

Scopri il nuovo TorinoSette e abbonati

home

home