A Cantalupo Ligure l’addio al giovane alpinista novese morto sul Monte Bianco

Domani i funerali di Andrea Chaves Lopez: sportivo e appassionato della Divina Commedia

Andrea Chaves Lopez con il padre Yonny


Pubblicato il 11/09/2017
NOVI LIGURE

Le comunità di Novi Ligure e della Val Borbera si stringono attorno ai familiari di Andrea Chaves Lopez, l’alpinista morto a 21 anni alle prime ore di venerdì mentre si accingeva a scalare il Monte Bianco in solitaria.  

 

Il giovane viveva a Novi, in un palazzo di viale della Rimembranza, insieme al padre Yonny e alla madre Patrizia Marchesotti. La salma, ricomposta all’obitorio dell’ospedale di Courmayeur, sarà traslata al cimitero di Cantalupo Ligure, paese d’origine della madre, e domani, martedì, alle 11 saranno celebrati i funerali nella chiesa parrocchiale, dove oggi alle 20,30 sarà recitato il rosario.  

 

Andrea Chaves era un giovane dall’intelligenza e dalle capacità fisiche straordinarie. Era molto conosciuto non solo nel Novese per la passione che nutriva per la Divina Commedia, che conosceva a memoria. Teneva le letture dei canti in diverse zone d’Italia, tanto da aver ricevuto a Firenze il prestigioso «Lauro dantesco». Inoltre era uno sportivo eccellente, già campione italiano di karate per la specialità «kumite», era un alpinista estremo e aveva conseguito il brevetto di volo per gli alianti

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno