Mercedes-AMG Project One, una Formula 1 da strada

È ibrida, eroga più di 1.000 CV e costa quasi 2,8 milioni di euro


Pubblicato il 11/09/2017
Ultima modifica il 17/09/2017 alle ore 16:33

Per festeggiare i 50 anni del marchio sportivo AMG, Mercedes presenta un’auto che deriva direttamente dalla massima serie del motorsport, la Formula 1. Linee pulite, interrotte solo dal grande alettone posteriore e dalla presa d’aria sul tetto, e portiere che si aprono a elitra per quella che il capo del design del gruppo Daimler, Gorden Wagener, descrive come l’auto più “hot” che abbia mai disegnato. L’interno è invece quello di “una Formula 1 per due”: radicale, ergonomico e pensato per la pista. 

 

DAIMLER AG

Dieter Zetsche e Lewis Hamilton  

 

A portare sul palco della preview del Salone di Francoforte la nuova Project One è nientemeno che Lewis Hamilton, tre volte campione del mondo di F1, nel 2014 e nel 2015 proprio con la Mercedes. “La Mercedes-AMG Project One è nata sulla pista grazie al lavoro di un team che solo noi potevamo mettere insieme”, ha detto il numero uno di Daimler, Dieter Zetsche. “L’obiettivo era una tecnologia che guardasse al futuro, performance assolute e i migliori tempi sul giro. Tutto omologato per la strada”. 

 

DAIMLER AG

 

Dalla Formula 1 deriva il motore V6 turbo di 1.6 litri, che è montato in posizione centrale e collegato alle ruote posteriori da un cambio meccanico a 8 rapporti, elettroattuato e con paddle al volante, sviluppato per il modello. Il V6 eroga più di 500 kW (680 CV) raggiungendo regimi dell’ordine di 11.000 giri al minuto. A questo propulsore “tradizionale” se ne aggiungono due elettrici, collegati ciascuno a una ruota anteriore, da 120 kW ciascuno. Nel complesso, oltre 1.000 CV.  

 

DAIMLER AG

 

Grazie all’accumulo di energia nelle batterie agli ioni di litio, anch’esse derivate dalla Formula 1 e ricaricabili alla presa di corrente, la Project One può percorrere piccoli tratti (fino a 25 km) in modalità elettrica. La due posti, dice la Mercedes, ha in realtà quattro motori elettrici, se si contano anche quello collegato al motore termico e quello che aziona il turbocompressore. L’efficienza temodinamica del sistema raggiunge il 40%, contro il 33-38% dei motori convenzionali, dice la casa tedesca. Alle prestazioni – 350 km/h di velocità massima, 0-200 km/h in meno di 6 secondi – contribuisce anche la leggerezza della scocca in fibra di carbonio

 

DAIMLER AG

 

La Project One svelata questa sera sarà un’hypercar esclusivissima, prodotta in soli 275 esemplari, quasi tutti già venduti al prezzo di 2,275 milioni di euro l’uno, Iva e messa su strada escluse (dunque, in Italia, quasi 2,8 milioni di euro). Ad ammirarla, durante la serata organizzata nel mega stand della Daimler alla vigilia del Salone, c’erano anche parecchi dei clienti che hanno staccato l’assegno. Gente apparentemente comune, che però ha l’invidiabile hobby di collezionare auto di questo calibro. E magari ha già in garage una Bugatti Chiron o una LaFerrari. 

 

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

 

Che cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento qui sotto!  

 

 

Scopri La Stampa TuttoDigitale e abbonati

home

home

Video Tuttoaffari.com
Trova l’auto giusta per te tra le occasioni proposte delle nostre concessionarie