Cade dal tetto di casa dove era salito per registrare l’antenna e muore sul colpo


Pubblicato il 12/09/2017
Ultima modifica il 12/09/2017 alle ore 12:17
corio canavese (TO)

Aveva deciso di salire sul tetto per registrare l'antenna, ma ha perso l'equilibrio ed è piombato nel vuoto per una decina di metri. Una caduta fatale per Eugenio Garetto, un'agente di commercio 60enne che abitava a Corio Canavese. L'uomo, originario di Poirino, è morto poco dopo il ricovero al Cto dove era stato trasportato con l'eliambulanza.  

 

LA DINAMICA DELL’INCIDENTE  

L'infortunio è avvenuto nel tardo pomeriggio di lunedì 11 settembre, in località Case Moretto di Corio, dove abitava Garetto. Il 60enne, dopo essere salito sul tetto, forse per un movimento sbagliato, ha perso l'equilibrio, non è riuscito ad aggrapparsi a nulla ed è caduto. Già da subito, ai medici e agli infermieri che lo hanno soccorso, le sue condizioni sono parse gravissime. Infatti il cuore di Garetto ha smesso di battere poco dopo l'arrivo in ospedale a causa delle fratture riportate in diverse parti del corpo.  

Scopri il nuovo TorinoSette e abbonati

home

home