Tra i clienti del supermarket della droga anche una 75enne, fermata con 4 chili di hashish

L’organizzazione era composta da italiani e marocchini. Dopo 2 anni di indagini i carabinieri hanno arrestato 17 persone e sequestrato 24 chili di stupefacenti

Spacciatori e clienti, spesso minorenni, ripresi dalle telecamere dei militari


Pubblicato il 14/09/2017
Ultima modifica il 14/09/2017 alle ore 18:17
torino

Era conosciuto dai pusher del quartiere come il «magazzino all’ingrosso del fumo», dove si potevano spuntare i prezzi più convenienti di tutta la città. E tra i clienti, ora agli arresti, c’è anche un’anziana donna, Giuseppina Rita, pensionata 75 anni residente a Cuneo, sorpresa ad acquistare quasi 4 chili di hashish. Uno stabile di Porta Palazzo, in via Lanino, occupato abusivamente da famiglie di extracomunitari, era diventato il quartier generale di una banda di spacciatori, tutti di origine maghrebina. Studenti minorenni, prima e dopo la scuola, operai, liberi professionisti erano i clienti abituali del gruppo criminale italo-marocchino che amministrava e governava lo spaccio della droga in Piazza della Repubblica.  

 

 

 

TELECAMERE E INTERCETTAZIONI  

L’indagine dei carabinieri della compagnia Oltre Dora è iniziata nel maggio 2015, dopo le segnalazioni delle stesse associazioni e dei comitati di quartiere, e ha permesso di notificare un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a 17 persone, di cui 14 marocchini e 3 italiani, e un divieto di dimora ad altri 3 marocchini. Tutti sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, aggravato dall’aver venduto decine di dosi anche a minorenni. L’inchiesta, attraverso l’utilizzo di telecamere a distanza e intercettazioni telefoniche ha accertato l’esistenza di un imponente traffico di sostanze stupefacenti e ha già permesso di sequestrare 24 chili di droga, tra hashish, marijuana, eroina e cocaina, oltre a 11 mila euro in contanti.  

 

I VIAGGI  

I carabinieri sono anche riusciti a ricostruire almeno una parte dei viaggi, tra l’Italia e il Marocco, attraverso cui venivano riforniti di hashish i due magazzini al piano terreno dello stabile. I corrieri arrivavano a Ventimiglia e raggiungevano Torino a bordo di autobus. I prezzi al dettaglio erano sicuramente vantaggiosi, visto che un grammo di stupefacenti, di ottima qualità, poteva essere comprato con appena 5 euro. Cifre che calavano vistosamente per gli acquisti di maggiore entità.  

Scopri il nuovo TuttoLibri e abbonati

home

home