Solo 20 mila tifosi per Napoli - Feyenoord. Sarri: “La gente ha scelto il campionato...”

LAPRESSE

Spalti vuoti al San Paolo

Pubblicato il 27/09/2017
Ultima modifica il 27/09/2017 alle ore 07:59
inviato a Napoli

Il Napoli batte gli olandesi del Feyenoord e si rimette in linea di galleggiamento in un girone di Champions pieno di trappole: il Manchester City vola, gli ucraini dello Shakhtar fanno soffrire gli inglesi dopo aver mandato fuori giri proprio gli azzurri due settimane fa e si candidano per il ruolo di guastafeste. 

 

Il bottino pieno firmato dai tre folletti Insigne-Mertens-Callejon (per loro un gol a testa) è arrivato dentro ad uno stadio San Paolo praticamente vuoto: solo 22 mila i paganti per un duello, di fatto, snobbato dai tifosi. Il motivo? Sicuramente il caro biglietti perchè per entrare in curva servivano 35 euro, ma anche un sentimento popolare spiegato molto bene dal tecnico Maurizio Sarri. “Evidentemente - così Sarri - nell’aria c’è la convinzione di poter far bene in campionato, anzi che il campionato possa rappresentare l’obiettivo più grosso della stagione: solo così mi spiego i ventimila presenti per una gara di Champions contro i 50 mila per la sfida con il Benevento. In città, inconsciamente, si ragione in questo modo...”.  

 

 

Napoli sogna lo scudetto, dunque. O, meglio, crede in un trionfo che manca da trant’anni: ecco perchè i tifosi partenopei riempiono le tribune nel fine settimana e, ieri, hanno lasciato (quasi) deserto lo stadio a Fuorigrotta. Intanto dagli autori dei tre gol contro gli olandesi c’è una dedica speciale per la vittoria. “E’ per Arek...”, dicono Insigne, Mertens e Callejon. Arek è Milik, lo sfortunato attaccante polacco costretto ad operarsi di nuovo al ginocchio per colpa della rottura dei legamenti. 

 

 

Scopri La Stampa TuttoDigitale e abbonati

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno

Campionati
Calendario e risultati

Calendario e risultati

Calendario e risultati

Calendario e risultati