Solo frutta e verdura? Non va bene

Per una serie di ragioni, una dieta esclusivamente a base di vegetali non è consigliabile
ISTOCK

frutta e verdura


Pubblicato il 03/10/2017
Ultima modifica il 03/10/2017 alle ore 16:07

Una dieta che propone solo cibi leggeri, perfetti per il nostro organismo. Non è un caso che i nutrizionisti consigliano il consumo di almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura. Rimineralizzare, idratare apportare vitamine e sali minerali indispensabili per un organismo sano è il loro compito. Ma ci sono diversi “contro” da sottolineare, se la nostra dieta è solo a base di questi. Quindi il nutrirsi esclusivamente di questi cibi favorisce la perdita di peso?

Frutta e verdura rappresentano fonti importanti di fibra alimentare, capaci di regolarizzare diverse funzioni fisiologiche dell’organismo, cominciando dal transito intestinale. Sono queste le sostanze che, giunte nel nostro intestino, espletano il compito di assorbire grassi e zuccheri. Sono anche ricchi di importanti vitamine, come la vitamina C e la vitamina A e sali minerali. E di folati, che riducono il livello di omocisteina nel sangue abbassando la percentuale di rischio per le malattie cardiovascolari. Per non parlare di sali minerali e di antiossidanti, come selenio e zinco che hanno il compito di combattere i radicali liberi.

Questi alimenti hanno un contro. Anche bello grosso. Non sono, infatti, completi da un punto di vista nutrizionale. Ed è sbagliato basare la propria dieta esclusivamente su questi cibi. Certo, il consumo abbondante di questi aiuta a disintossicarsi, a sentirsi più in forma, e anche ad arricchirsi di vitamine e minerali. Ma non occorre dimenticare che abbiamo anche bisogno di carboidrati complessi, proteine e grassi. Non solo per la vita di tutti i giorni, ma anche per il dimagrimento stesso.

Inoltre il processo di restrizione calorica eccessiva a cui viene sottoposto l’organismo non è sano. Tantomeno graduale. Quindi appena si assume un alimento diverso verranno riattivati i processi di deposito di grasso. In questo modo, infatti, il nostro corpo affronterà successivi ed eventuali periodi di magra.

Un altro problema, e l’abbiamo trattato anche in precedenza, è l’acquisto di vegetali in disaccordo con la loro stagione di appartenenza. Questo vuol dire che, per mangiare una mela durante l’estate, quasi sicuramente avrà subito alcune “forzature”. Parliamo di prodotti non freschi, trattati, di cui si ignora la provenienza e di cui non si conoscono poco o nulla delle tecniche di agricoltura utilizzate. Questo potrebbe comportare, infatti, l’assunzione di sostanze tutt’altro che benefiche nel nostro organismo.

 

 

home

home

Stile.it - ricette veg

Stile.it - ricette veg

Stile.it - ricette dolci

Stile.it - ricette dolci

Turismo.it - ricette etniche

Turismo.it - ricette etniche

I più letti del giorno

I più letti del giorno

I video di Buona Pappa

tutti i video