Multa-beffa alla Pro: “Punita l’esultanza sotto la curva per il gol”

Sanzione anche al ds Varini: “Scusate l’imprecazione”


Pubblicato il 05/10/2017
vercelli

La Pro Vercelli non guarda la classifica in vista della sfida contro il Perugia, prossimo avversario domenica alle 15 al Curi: tra vercellesi, penultimi della classe e gli umbri, distanti solo una lunghezza dalla vetta, ci sono 8 punti di differenza. I leoni guardano la prestazione messa in campo sabato contro il Cesena e da lì vogliono ripartire per cercare di mettere in difficoltà i prossimi avversari, reduci tra l’altro dalla sconfitta di Brescia. I bianchi stanno lavorando sodo e da oggi si alleneranno a porte chiuse. 

 

LAPRESSE

 

La sfida contro il Cesena non ha portato solo tre punti alla classifica dei bianchi. In via Massaua sono arrivate anche delle sanzioni. Un’ammenda di 2.000 euro al ds Massimo Varini «per avere, al termine del primo tempo, negli spogliatoi, proferito reiteratamente espressioni blasfeme». Pronte sono arrivate le scuse del diretto interessato, pubblicate anche sulla pagina Facebook della società: «In merito alla sanzione emessa dal Giudice Sportivo, mi assumo ogni responsabilità e mi scuso per aver macchiato l’immagine della società e del presidente Massimo Secondo. E’ stata, ovviamente, una reazione sbagliata, avvenuta in un momento di grande tensione emotiva, visto il momento delicato che stavamo attraversando. Nonostante ciò, questa non vuole e non deve essere una giustificazione». Varini aggiunge: «Sono dispiaciuto per questa vicenda e rimborserò totalmente la multa alla società». 

 

Alla Pro è stata comminata anche un’altra ammenda di 1.000 euro, a titolo di responsabilità oggettiva «per avere omesso di impedire la presenza e la permanenza sulla panchina aggiuntiva di un collaboratore che, al 24’ del secondo tempo, a seguito della realizzazione di una rete da parte della propria squadra, abbandonava la panchina aggiuntiva entrando sul terreno di giuoco per esultare sotto la curva occupata dai propri sostenitori». 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi