Renault, 8 nuove elettriche entro il 2022. Obiettivo, essere leader nelle “zero emissioni”

La marca francese ha presentato l’ambizioso piano industriale per i prossimi 5 anni
AFP

Carlos Ghosn, numero uno di Renault e dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi


Pubblicato il 06/10/2017
Ultima modifica il 06/10/2017 alle ore 14:53

La declinazione francese del piano Alleanza 2022 si chiama Drive The Future e prevede la “leadership nel veicolo elettrico”. Il numero uno Carlos Ghosn ha spiegato che l’obiettivo è quello di una “crescita forte e redditizia” basata anche sulla capitalizzazione delle risorse e delle tecnologie del gruppo, che oltre a Nissan include anche la giapponese Mitsubishi, la coreana Samsung, la rumena Dacia e la russa Avtovaz.  

 

Renault da sola dovrà portare sul mercato 15 dei 40 veicoli a guida autonoma annunciati dal gruppo entro il 2022, ma soprattutto 8 dei 12 modelli puramente elettrici. La Losanga avrà anche 12 modelli elettrificati. Sulla base dei numeri snocciolati dal manager di origini brasiliane, Renault dovrebbe assicurare un terzo del fatturato dell’Alleanza: 82 dei 240 miliardi di dollari previsti da qui a sei anni.  

 

I volumi dovrebbero salire a 5 milioni di unità (adesso sono meno di 3,5 milioni), un raddoppio delle attività fuori dall’Europa. Le operazioni russe dovrebbero contribuire per 1,1 milioni di esemplari (dagli attuali 650 mila), la regione Asia-Pacifico dovrebbe arrivare a valere 600 mila unità (adesso sono 167 mila, inclusa la Cina). Anche dalle attività in Africa, Medio Oriente e Sud America Ghosn si aspetta molto, cioè volumi di poco inferiore al milione e mezzo. Oggi sono 491 mila in Africa e Medio Oriente e 345 mila in America Latina. I traguardi sono decisamente ambiziosi per i prossimi sei anni, al termine dei quali il margine operativo dovrebbe raggiungere il 7%

 

Entro il 2022 Renault lancerà 21 nuovi veicoli, di cui molti di sostituzione e 3 aggiuntivi, includendo anche i commerciali leggeri per i quali Ghosn sogna la “mondializzazione”, per i quali ha un’intesa con FCA. Nel giro dei prossimi 72 mesi verranno investiti 18 miliardi di euro, anche per garantire la completa connettività dei veicoli, almeno nei mercati chiavi, quelli più redditizi ed esigenti. Nello stesso lasso di tempo Renault beneficerà anche di economie di scala per oltre 4 miliardi di euro. 

 

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

 

Che cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento qui sotto!  

home

home

Video Tuttoaffari.com
Trova l’auto giusta per te tra le occasioni proposte delle nostre concessionarie