Car sharing come il taxi: dipendenti e aziende possono scaricare le spese

Una recente risoluzione dell’Agenzia delle Entrate aggiorna la normativa vigente: gli spostamenti urbani potranno essere inseriti in nota spese per agevolazioni fiscali

Car2go


Pubblicato il 07/10/2017

Istituzioni e case automobilistiche sembrano concordi nell’inserire la parola “condivisione” tra quelle chiave per la mobilità del futuro. Non stupisce, dunque, che anche la legge si adegui al boom del car sharing, equiparando il servizio a quello di un taxi e rendendolo dunque scaricabile dalle tasse per i dipendenti delle aziende. 

 

Le novità dell’Agenzia delle Entrate  

 

La conferma arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate, che con la risoluzione n°83 del 28 settembre 2017 ha definitivamente sdoganato l’auto in condivisione prevedendo agevolazioni fiscali per le aziende e i dipendenti che la utilizzano. Gli spostamenti all’interno del territorio comunale in cui si trova la sede di lavoro diventano così spese deducibili ai fini delle imposte dirette. 

 

L’Agenzia delle Entrate ha infatti riconosciuto il car sharing come un’evoluzione dei tradizionali sistemi di mobilità urbana, includendo i rimborsi del datore di lavoro nell’elenco di quelli deducibili. Un aggiornamento della vigente normativa, per cui il rimborso dei costi di trasporto sostenuti dai dipendenti per viaggi effettuati con la propria auto privata erano deducibili per l’azienda solo se in caso di spostamenti effettuati al di fuori del Comune dove la stessa azienda ha la sede. 

 

Come fare per ottenere il rimborso  

 

La procedura è la stessa seguita per i rimborsi dei taxi: il dipendente deve presentare la nota spese (secondo i termini previsti dalla società, come confermato anche dal colosso del car sharing Car2go), allegando le fatture relative ai servizi di car sharing. L’azienda potrà dunque registrarle e poi dedurle dalle imposte. Fondamentale che la nota spese riporti l’indicazione precisa dei motivi dello spostamento, del giorno e degli orari, in modo da dimostrare che si è trattato di un viaggio legato a questioni di lavoro. A questo proposito sempre più aziende, compresa Car2go, prevedono la possibilità di creare un profilo cliente personale su app con cui consultare e scaricare le fatture

 

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

 

Che cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento qui sotto!  

home

home

Video Tuttoaffari.com
Trova l’auto giusta per te tra le occasioni proposte delle nostre concessionarie