Rc Auto, ecco come risparmiare con lo slalom tra franchigie e premi

I consigli degli esperti: cercare i migliori prezzi sui siti di comparazione e gli sconti sul web
ANSA


Pubblicato il 09/10/2017
Ultima modifica il 09/10/2017 alle ore 07:43

La polizza per l’auto è una spesa pesante per le tasche delle famiglie, specie da noi in Italia dove si pagano i premi più alti d’Europa. E’ però oggi anche il costo su cui si può risparmiare di più, fino al 50% della somma da sborsare. I trucchi per spendere meno ci sono e arrivano in aiuto soprattutto in questo periodo di rincari. Secondo i dati rilevati dall’Osservatorio assicurazioni auto di Facile.it, negli ultimi 12 mesi assicurare l’auto costa di più, con aumenti che sono del 12,99% (+9,14% nel semestre). Le tariffe medie sono salite a quota 577,50 euro. Il motivo? La crisi sta allentando la sua morsa e le famiglie hanno ricominciato a usare di più l’auto. Le compagnie tornano così alla carica e fanno salire i premi. Si interrompe così il trend di riduzione dei prezzi degli anni passati. Altre revisioni al rialzo arriveranno nei prossimi mesi. 

 

Per dare un taglio alle cifre da sborsare per l’auto, basta cercare il miglior prezzo sui tanti comparatori online (segugio.it, mybestoption, cercassicurazioni, Facile.it sono solo alcuni esempi). In pochi e semplici passaggi si arriva a un preventivo che nella maggior parte dei casi è meno caro di quel che si sta pagando al momento.  

La scelta può andare su una nuova compagnia che offre un prezzo migliore ma si può anche tentare di contrattare - preventivo nuovo alla mano - uno sconto con il vecchio assicuratore. Di solito, la richiesta di abbassare la tariffa viene quasi sempre accolta. 

 

 

Certo, occorre sapere che se si decide di cambiare compagnia, il primo anno di premio è low cost. In genere al momento del rinnovo, l’anno dopo, arriva però l’aumento, anche se di poche decine di euro. A quel punto basta guardarsi di nuovo intorno. Il mondo delle assicurazioni è diventato come quello della telefonia con offerte e promozioni che si rinnovano e ripetono di continuo. Bisogna saperle cogliere. 

 

Molte Rc Auto propongono, inoltre, sconti a chi sottoscrive il contratto via Internet o addirittura utilizzando l’app. Cercare sul web fa risparmiare qualche euro ogni anno. Ci sono, poi, alcuni escamotage. Per esempio, lasciando fuori dalla polizza da rinnovare le coperture che, in taluni casi, possono essere meno interessanti. E’ il caso dell’incendio e del furto sulle auto molto vecchie ma anche la protezione cristalli che è una spesa marginale sulle di voci da pagare.  

 

Un consiglio è verificare se nel prezzo è inclusa la tutela sul conducente che è il soggetto che, molte volte, resta pericolosamente scoperto. Costa pochi euro in più e fa dormire sonni tranquilli. Sono fondamentali quelle polizze che ci proteggono dai guai più grandi, vale a dire quelli che possono rovinarci economicamente. Il consiglio poi è quello di leggere sempre bene il contratto che si sta per sottoscrivere. Occorre prestare attenzione alle franchigie per sapere che quota del danno resta a carico dell’assicurato. Meglio saperlo in anticipo. 

 

La differenza poi la fa il luogo di residenza. Analizzando l’andamento nell’arco di 12 mesi, la Campania non solo si conferma essere la regione con i premi Rc auto più alti d’Italia (989,91 euro, oltre il 71% in più rispetto al valore nazionale) ma anche una delle aree che hanno visto i rincari maggiori (+20,78%). Le regioni con gli aumenti più contenuti, invece, sono state il Friuli Venezia Giulia (+7,29%) e la Basilicata (+8,09%). 

 

In termini di valori assoluti, dopo la Campania, i premi medi più alti sono in Calabria (689,33 euro) e Puglia (670,06 euro), mentre le aree con i prezzi assicurativi più bassi sono la Valle d’Aosta (405,31 euro) e il Friuli Venezia Giulia (408,59 euro). A livello provinciale le aree più care d’Italia sono Caserta (1.065,37 euro), Napoli (1.040,56 euro) e Prato (959,78 euro); quelle con i valori più contenuti sono Oristano (374,12 euro) e Pordenone (386,29 euro). Solo una provincia italiana che ha visto un calo delle tariffe. Sta in Piemonte ed è quella del Verbano Cusio Ossola, dove i premi sono diminuiti dello 0,17%.  

 

Scopri La Stampa TuttoDigitale e abbonati

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno