De Laurentiis: “La Var? Deve ancora essere messa a punto”

Il presidente del Napoli: «Ho fatto bene a prendere Sarri»
ANSA

Aurelio De Laurentiis

Pubblicato il 09/10/2017
Ultima modifica il 09/10/2017 alle ore 20:28

Al festival del calcio a Firenze il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è in forma smagliante. Un autentico fiume in piena, regala battute e racconta aneddoti gustosi. Da Sarri al duello con la Juventus.  

 

«Non vogliamo stuzzicare i bianconeri, giusto che pensino di essere favoriti. Non svegliamo il can che dorme. L’importante è essere primi a marzo...».  

 

Il Napoli è in testa adesso e la Juve è reduce anche dalle polemiche legate al match con l’Atalanta: «Se Dybala avesse messo dentro il rigore adesso la Juve sarebbe a pari punti con noi. Non c’è Var che tenga. Certo è un mezzo che deve essere messo a punto. La Juve? Ha una squadra forte e una famiglia solida alle spalle. Ha avuto anche momenti no, come Calciopoli o in cui è arrivata settima. Un plauso può comunque andare ad Agnelli. E’ una persona sulla quale si può contare, a prescindere dalla Juventus». 

 

De Laurentiis comunque si gode anche Sarri: «Mi dicevano che avevo sbagliato a prenderlo, qualcuno aveva messo anche dei manifesti in città. Ricordo che lui mi disse anche: “Presidente, le prime sei sette partite io di solito le perdo”. E io gli ho risposto: “Amore mio, qui è meglio che cominci a vincere qualche cosa, li vedi questi manifesti?” E lui fu bravo a rimodellare la squadra. Il suo futuro? Sarri è un gentiluomo e un affezionato, non s’è mai diviso dalla moglie e non ha mai ripudiato il figlio, mi risulta... Non vedo il motivo per cui debba andare via. Poi dipenderà anche da me... come si suol dire ’ca nisciun è fess». 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno

Campionati
Calendario e risultati

Calendario e risultati

Calendario e risultati

Calendario e risultati