Breve e specialistico. Il viaggio di lavoro ai tempi della Rete

Nell’era iperconnessa la trasferta sopravvive solo se è necessaria. Ma in molti continuano a pensare che sia un valore aggiunto

37% dei dipendenti vive il viaggio di lavoro come un momento per trovare nuove ispirazioni


Pubblicato il 10/10/2017
torino

«Tesoro, parto per qualche giorno per una trasferta importante. Ti telefono appena arrivo in hotel». Un bacio al partner di sempre, una carezza ai piccoli, poi via in aeroporto, e lo status di uomo (o donna) d’affari affermato è servito. O lo era, in un passato ormai superato?  

 

Nell’era della trasformazione tecnologica incessante la rivoluzione delle comunicazioni non riguarda più solo la vita privata - Whatsapp, Facebook e Instagram insegnano - ma anche, in modo sempre più incisivo, le scelte operative di aziende e professionisti. Da Skype a GoToMeeting, da Zoom a Cisco, sono ormai decine gli strumenti che permettono alle imprese di condurre operazioni-chiave come riunioni, incontri con clienti o corsi di formazione in tutta sicurezza senza spostare il personale di un metro.  

 

E così l’approccio delle aziende al business travel si trasforma: bando - o quasi - alle costose rotte intercontinentali e preferenza a quegli spostamenti davvero utili per controllare la produzione, incontrare potenziali partner o stringere nuovi accordi. 

 

L’esperto  

«Grandi società globali con base a Londra o a New York tengono ormai non soltanto meeting di routine, ma gli stessi consigli d’amministrazione dove si prendono le decisioni-chiave in conference call, in modo efficace ed efficiente», racconta Roger Abravanel, 30 anni in McKinsey e oggi consulente e saggista. Tecnologia alla mano, il XXI secolo sarà ricordato, dunque, come quello del superamento del viaggio come strumento di lavoro essenziale? 

 

La questione è più complessa e sfaccettata. A non augurarsi un cambiamento di scenario così radicale, di certo, sono i dipendenti delle nuove generazioni. Secondo una ricerca appena pubblicata dal sito di prenotazioni online Booking, ben sei professionisti su 10 in tutto il mondo sono convinti che scoprire nuove culture e destinazioni sia un valore aggiunto prezioso nel percorso di crescita lavorativa. E, se le tecnologie per la comunicazione a distanza garantiscono benefici innegabili, per il 66% degli oltre 17mila professionisti intervistati gli incontri faccia a faccia con clienti o colleghi restano strumenti indispensabili per un business di successo. 

 

Ma a sconfessare conclusioni affrettate sono soprattutto i numeri sui viaggi effettivamente realizzati. Secondo l’ultimo rapporto Business Travel Managed, pubblicato da Uvet, nel triennio 2015-2017 le missioni di lavoro sono aumentate di ben 18 punti percentuali. Complice anche e soprattutto il calo dei costi di viaggio: dai 221 euro d’inizio 2015 oggi la spesa media di una trasferta per un’azienda italiana è scesa a quota 200 euro. 

 

Vicino e lontano  

A cambiare, per il momento, sembra essere piuttosto la tipologia di viaggi sulla quale aziende e professionisti sono disposti a investire. Se crolla verticalmente in un decennio il valore del business travel sulle rotte internazionali, sostituito prepotentemente da altre modalità di lavoro al di sotto del livello dei top managers, resiste, invece, nel complesso, grazie al calo dei prezzi, quello su scala nazionale o all’interno del Vecchio Continente. Che ora, però, si concentra di più sul controllo della produzione, sugli incontri esterni con clienti e fornitori e, perché no, anche sugli «eterni» convegni, utili per il networking.  

 

«Quella che si cela dietro i numeri - osserva ancora Abravanel - è una ristrutturazione dei comportamenti delle aziende di portata rivoluzionaria. Oggi i dirigenti hanno un’opportunità straordinaria: quella di poter gestire l’interazione interna in maniera più efficiente, liberando così tempo prezioso per andare in giro a capire ciò che succede davvero sul campo, incontrare nuovi potenziali partner e tenere gli occhi aperti su un mondo in continuo cambiamento».  

 

*****AVVISO AI LETTORI*************
Segui le news di La Stampa Viaggi su Facebook (clicca qui)
*********************************

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno

i più letti
ticketcrociere