Per leggere La Stampa Premium è necessario essere abbonati.
scopri l'offerta
acquista
Qui-juve
Articolo tratto dall'edizione in edicola il giorno 11/10/2017.
Dopo 7 giorni il contenuto è a disposizione per tutti i lettori, clicca qui per scoprire La Stampa Premium.

Juve prima a sbarcare su Netflix, il calcio scopre un nuovo mondo

Una docu-serie sui bianconeri prodotta dal gigante del web per il 2018

Sono partiti da Villar Perosa, la culla e il cuore della Juve, e sono già entrati nello spogliatoio bianconero per catturare ogni dettaglio, atmosfera e parola. Lo sbarco di Netflix nel mondo del calcio è cominciato dal club campione d’Italia, con una troupe internazionale che da quasi due mesi lavora dentro e fuori il mondo juventino, ma la storia è ancora tutta da scrivere. Così come la docu-serie che il più grande servizio di intrattenimento via Internet del mondo, celebre per aver creato «House of Cards» e «Narcos», sta producendo insieme alla Juve: il progetto è legato alla stagione 2017/2018, di fatto appena iniziata, e prevede 4 episodi da un’ora ciascuno - in onda nel 2018 - in cui gli eventi sportivi si legheranno alla storia e ai personaggi della Juve. Un progetto inedito e ambizioso che apre nuovi scenari e riscrive il rapporto tra cinema e pallone, a maggior ragione nell’era del web.  

 

Strategia globale  

«Netflix è la culla di storie appassionanti - ha commentato Erik Barmack, vice presidente delle International Original Series - e non esistono tifosi più appassionati di quelli bianconeri». Detto da un americano tifoso pazzo della Roma vale doppio, così come doppio è l’obiettivo di «Juventus Fc». Da una parte Netflix che ha oltre 104 milioni di abbonati in più di 190 paesi (la metà sono statunitensi, mentre in Italia sono circa un milione secondo le stime di Ernst & Young citate dal Sole 24 Ore) ed usa il calcio come una testa di ponte per rafforzarsi in Italia e in Europa, dall’altra parte c’è il club bianconero che rinsalda la propria espansione internazionale con una piattaforma dalle infinite potenzialità. «Questo conferma il nostro essere un marchio sportivo d’intrattenimento - spiega Federico Palomba, capo dell’area digital e del marketing della Juve -: vogliamo raggiungere i tifosi di tutto il mondo e milioni di utenti di Netflix, che grazie a questa docu-serie potranno conoscere la Juventus sotto ogni aspetto». 

 

Riprese già in corso  

Negli Stati Uniti sono già stati prodotti documentari sportivi da Netflix, ma erano inchieste (su tutte «Icarus», basato sullo scandalo doping) e mai il calcio era stato trattato da questo gigante dell’intrattenimento con 125 milioni di ore di programmazione. In questo caso la produzione di «Juventus Fc» rientra nel progetto italiano che ha già lanciato «Suburra» e presto darà vita ad una serie con un tema femminile. La docu-serie sui bianconeri viene girata in italiano per avere un migliore senso dell’originalità e sta già coinvolgendo i giocatori (Dybala è stato il primo): dietro al lavoro c’è un rivoluzionario «dietro le quinte», pur tra i vincoli dei diritti tv, dove far emergere emozioni e pathos. Netflix racconterà le storie e i personaggi più coinvolgenti, seguendo i giocatori nella loro vita privata e professionale, ma trattando anche una storia unica. La Juve, infatti, è stata scelta anche per i 95 anni di presidenza della famiglia Agnelli (la più longeva nella storia dello sport) e per i risultati sportivi degli ultimi anni con i sei scudetti di fila e le due finali di Champions giocate. Ma ora c’è un’altra storia da scrivere e soprattutto da riprendere. 

 

GIANLUCA ODDENINO, GIANMARIA TAMMARO
Ultimi Articoli
ANSA
gianluca oddenino
Il bosniaco e il croato ribaltano l’iniziale autogol di Alex Sandro

AFP
paolo lauri
Pjanic e Mandzukic firmano la rimonta sui portoghesi passati in vantaggio con una autorete di Alex Sandro

alberto dolfin
A Vinovo i ragazzi di Dal Canto battuti 4-1

tutti gli articoli
Abbonamento Digital Edition
come prima, più di prima
» Una nuova versione web nativa digitale.
» Una nuova app.
» Una nuova offerta.

Scopri tutti i modi di leggere La Stampa
su pc, smartphone e tablet.
Vai all'abbonamento Digital Edition