I progetti dei nuovi gestori della Piana di Vigezzo: “Una scommessa per amore di questo territorio”

La nuova società punta ad aumentare il numero delle piste e far crescere anche l’attività estiva


Pubblicato il 11/11/2017
craveggia

Trenta centimetri di neve e i «gatti» già in azione per preparare le piste all’apertura di dicembre. Miglior inizio non lo poteva avere la «Vigezzo and friends», la società che - ufficialmente da ieri, venerdì 10 - ha preso in gestione gli impianti di risalita della Piana di Craveggia. Un avvio senza dubbio fortunato, visto che negli ultimi due anni la stazione sciistica è rimasta pressoché chiusa a causa della mancanza di neve. Invece l’ultima perturbazione è stata di buon auspicio per la «Vigezzo and friends» che per due anni si occuperà della gestione al posto della «Funivia Piana di Vigezzo srl», in liquidazione. La società, con undici soci e sede a Gravellona Toce, è nata apposta per la gestione degli impianti.  

 

 

«Siamo papà di sciatori»

«E’ un’idea da mecenati, nata dal desiderio di mantenere in vita l’impianto e valorizzare il territorio - spiega il presidente Cristiano Bortolotti -. Siamo tutti papà del Verbano i cui figli praticano l’attività sciistica, siamo aperti alla collaborazione di chiunque. Il promotore è però Cesare Toniutti, maestro di sci della valle Vigezzo che ha creduto sin da subito in questa possibilità, ma senza la disponibilità dei comuni dell’Unione questo non sarebbe stato possibile».  

 

 

Ieri la firma del contratto con l’Unione montana Valle Vigezzo, proprietaria degli impianti e da lunedì la società sarà operativa. L’accordo di gestione prevede il pagamento di un simbolico canone annuo di 100 euro.  

 

 

«La società si è impegnata a svolgere la manutenzione e a fare investimenti - dice il vice presidente dell’Unione e sindaco di Craveggia Paolo Giovanola - per questo ci è sembrato giusto agevolare l’operazione con un canone simbolico. Se ci saranno utili, una quota sarà corrisposta all’Unione che potrà anche decidere di investirli sugli impianti stessi».  

 

LEGGI ANCHE - L’Unione dei Comuni della valle Vigezzo ha trovato un gestore per la Piana  

Lavoratori confermati

Molteplici gli investimenti che la «Vigezzo and friends» ha in mente. «Innanzitutto assumeremo a tempo indeterminato i tre dipendenti della passata società, più un’altra persona - spiega Bortolotti -. In piena attività saranno assunte altre 14 persone per far funzionare tutte le strutture. Poi cercheremo ulteriori investitori per allargare lo spazio dove sciare: l’intenzione è realizzare un nuovo collegamento. Le spese saranno tante, per i guadagni vedremo, non è l’obiettivo».  

Venti km di piste

La stazione conta 20 km di piste per un totale di 10 tracciati, tre seggiovie, una sciovia e una funivia. E non si farà solo attività invernale. «Da implementare le possibilità estive - conclude Bortolotti -, innanzitutto compreremo mountain bike per il downhill. Ora però ci concentriamo sull’inverno: saremo ai mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore per rilanciare l’attività».  

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi