Per leggere La Stampa Premium è necessario essere abbonati.
scopri l'offerta
acquista
Cultura
Articolo tratto dall'edizione in edicola il giorno 12/11/2017.
Dopo 7 giorni il contenuto è a disposizione per tutti i lettori, clicca qui per scoprire La Stampa Premium.

A Torino il fondo Tullio De Mauro

Oggi s’inaugura la sede con i materiali di sessant’anni di ricerche

La distruzione del linguaggio è la premessa a ogni futura distruzione». A sostenerlo fu il linguista Tullio De Mauro, con un’analisi elaborata ben prima dell’offensiva dei social e degli emoticon contro l’italiano corretto. Da oggi Torino celebra l’insigne linguista inaugurando «La casa del Fondo Tullio De Mauro»: un luogo per studiare, comprendere, dibattere e confrontarsi sui temi lasciati in eredità dal docente universitario scomparso il 5 gennaio di quest’anno.  

 

La sede del Fondo si trova a Torino in via Arsenale 27/E e ospiterà, oltre agli uffici del professore, la sua immensa collezione privata da sfogliare, che fu donata nel 2011 dal docente universitario e dalla moglie Silvana Ferreri alla Rete Italiana di Cultura Popolare. Questa raccolta è il frutto di sessant’anni di ricerche di Tullio De Mauro: una miniera di libri, opuscoli, riviste, ma anche tanta letteratura «grigia» che spazia dagli studi sui dialetti italiani alle lingue di minoranza, passando per dizionari dialettali, filastrocche, proverbi, racconti e fiabe.  

 

Il recupero digitale dei documenti si deve alla Fondazione Crt che li sta catalogando utilizzando le nuove tecnologie di comunicazione per renderli consultabili dal grande pubblico e in particolare dagli studenti. Sempre questa Fondazione fu la prima a offrire una casa al Fondo Tullio De Mauro, già nel 2015, nello spazio delle Officine Grandi Riparazioni.  

 

Ora però c’è una seconda e nuovissima sede, appunto in via Arsenale, con un terrazza che potrà diventare luogo di lettura o sede di dibattiti. La giornata inaugurale durerà dalle 10,30 alle 18,30 intrecciando dibattiti, letture e riscoperta dei dialetti «viventi» si aprirà in via Arsenale e si concluderà alle Ogr di corso Castelfidardo con la proiezione del documentario Futuro Anteriore di Riccardo Piaggio e un incontro con il cantautore e poeta Massimo Bubola. 

 

L’apertura della Casa del Fondo Tullio De Mauro chiude la XXII edizione del Festival Internazionale delle Culture Popolari che è stata dedicata all’eredità culturale del linguista «e riflette - come spiega Chiara Saraceno, presidente della Rete Italiana di Cultura Popolare - sulle storie di migrazione, integrazione e speranza che nei decenni si sono succedute anche a Torino». 

Emanuela Minucci
Ultimi Articoli
Mario Baudino
Le memorie di Lili Brik, l’amante-musa del poeta negli anni in cui nell’Urss tutto sembrava possibile

andrea cionci
Se, durante la Grande guerra, in trincea e in campo aperto la vista era il senso fondamentale, fu invece soprattutto con l’udito che si combatté l’”altro” conflitto

Marco Vallora
Una mostra indaga gli intrecci tra protagonisti della cultura del ’900 partiti da forme espressive diverse da quelle che li consacreranno

tutti gli articoli
Abbonamento Digital Edition
come prima, più di prima
» Una nuova versione web nativa digitale.
» Una nuova app.
» Una nuova offerta.

Scopri tutti i modi di leggere La Stampa
su pc, smartphone e tablet.
Vai all'abbonamento Digital Edition