Bannio Anzino, una nuova casa della salute da realizzare in valle Anzasca

La proposta è stata lanciata dal sindaco Bonfadini ai colleghi che si sono detti favorevoli

L’obiettivo è realizzare la casa della salute a Bannio Anzino


Pubblicato il 12/11/2017
Ultima modifica il 12/11/2017 alle ore 17:31
bannio anzino

Una nuova casa della salute nel Vco potrebbe essere realizzata in valle Anzasca. Il sindaco di Bannio Anzino Pierfranco Bonfadini ha lanciato l’idea ai colleghi sindaci della valle che si sono detti favorevoli a proseguire con le valutazioni per dare un servizio sanitario in più alla popolazione della valle di Macugnaga.  

Il progetto sta nell’utilizzare la sede della ex Comunità montana Monte Rosa che si trova in frazione Pontegrande. «Un immobile perfettamente idoneo, ristrutturato nel 2006 e che si presterebbe alla perfezione come casa della salute, per questo ho proposto l’iniziativa agli altri sindaci, dai quali ho ricevuto l’assenso» afferma Bonfadini.  

 

LEGGI ANCHE - Il nuovo ospedale del Vco ha due anni di ritardo, a rispettare i tempi è Ornavasso  

 

Già da tempo aveva cercato il modo per poter utilizzare l’immobile di proprietà dell’ente per evitare che diventasse l’ennesimo edificio pubblico non sfruttato. Lo scorso anno aveva ricevuto un secco no dai sindaci dell’Anzasca di spostare il distretto sanitario che serve l’intera valle. I servizi erano già ospitati a Vanzone, e i sindaci si erano espressi negativamente. L’idea della casa della salute, invece, sembra mettere d’accordo tutti i pareri della valle.  

 

Le case della salute, tra pochi mesi sarà attiva quella di Crevoladossola, sono tra gli obiettivi in materia di sanità della Regione che ne sta promuovendo le aperture. Si tratta di centri attrezzati aperti dodici ore al giorno che ospitano ambulatori specialistici e medici di famiglia, servizio infermieristico, punti prelievi e servizi assistenziali in generale. «Bisogna muoversi nel prendere una decisione definitiva - afferma Bonfadini -, oggi è un’opportunità che potrebbe essere facilmente realizzata. Già dalla prossima settimana ci saranno incontri con i vertici Asl per capire assieme come agire». 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi