Milano fa il pieno di professionisti via Linkedin: 45 mila nuovi assunti nell’ultimo anno

È il dato che emerge da “Milan Economic Graph”, la seconda edizione della ricerca sul mercato del lavoro condotta dalla piattaforma professionale americana. Quasi un milione di iscritti nell’area metropolitana, 850 nuovi assunti per Palazzo Marino selezionati online
ANSA


Pubblicato il 13/11/2017
Ultima modifica il 13/11/2017 alle ore 17:56
milano

La capitale morale del Paese attira imprese e genera lavoro: sono 45mila le nuove assunzioni a Milano, nell’ultimo anno. È il dato che emerge da “Milan Economic Graph”, la seconda edizione della ricerca sul mercato del lavoro condotta da Linkedin, in base all’analisi dei dati presenti sulla sua piattaforma e presentata durante l’evento #WorkInMilano.  

 

Servizi professionali (ovvero società di consulenza), tecnologia e servizi finanziari sono i settori su cui il colosso del lavoro online ha riscontrato il maggiore movimento di professionisti - con percentuali di occupazione pari al 16-17% - seguono i settori del retail&consumer (11%) e healtcare (8%). In base a questi dati, la metropoli lombarda si conferma come una delle città che meglio indicano e definiscono lo stato dell’arte del mondo occupazionale made in Italy. 

 

In particolare sulla piattaforma, ad oggi, sono ben 945mila i professionisti iscritti nell’area metropolitana, il 14% in più rispetto allo scorso anno e pari a un decimo del totale di iscritti italiani (10 milioni); 9mila le offerte di lavoro condivise online, l’80% in più, pari al doppio dell’anno passato e, infine, 108mila le aziende milanesi rappresentate sulla piattaforma. 

 

Intraprendenza e solidarietà, tolleranza e orgoglio civico, buon senso e pragmatismo tutto milanese fanno della città uno snodo della “migrazione” dei talenti e delle professionalità. I flussi sono in entrambe le direzioni: si arriva soprattutto da Roma, Perugia, Napoli e Bari ma si parte anche verso la vicina Svizzera o piazze internazionali come meta lavorativa: Inghilterra, Spagna, Germania e Olanda.  

 

La crescita della piattaforma americana - che oggi conta 530 milioni di utenti a livello globale - ha dimostrato il cambiamento, negli ultimi anni, sia delle forme di ricerca del lavoro da parte dei professionisti, che delle competenze da parte delle aziende.  

 

Una nouvelle vague del “metodo digitale” che ha avvicinato anche la pubblica amministrazione. Palazzo Marino e Linkedin hanno condiviso un progetto di ricerca del personale per posizioni dirigenziali e amministrative: dal sondaggio emerge che il 23% dei candidati è stato selezionato attraverso la rete professionale online, e dei 45mila nuovi assunti su Milano 850 hanno trovato impiego proprio negli uffici comunali. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno