Violentato quando era bambino si vendica e accoltella il pedofilo

Pordenone, il 23enne accusato di tentato omicidio ha confessato Il ferito, in gravi condizioni, era a processo per pedopornografia


Pubblicato il 14/11/2017
san vito al tagliamento (pn)

Due coltellate alla schiena a quell’uomo a cui aveva voluto tanto bene, poi la fuga nella notte. Un’ora a ripensare a quello che aveva combinato, una telefonata ad una persona cara che lo avrebbe convinto ad arrendersi e la decisione di costituirsi dai carabinieri: «L’ho accoltellato io». 

 

Per un 23enne di San Vito al Tagliamento (Pordenone), cittadino italiano ma originario di un Paese dell’Est, accusato di tentato omicidio, si sono spalancate le porte del carcere. «Solo dopo l’interrogatorio di garanzia potrà essere valutata la premeditazione», ha spiegato il Procuratore della Repubblica Raffaele Tito. 

 

Per la vittima dell’aggressione, un medico di 48 anni, è iniziata la disperata lotta tra la vita e la morte nell’ospedale cittadino: è stato accolto in Terapia intensiva, ha subito due interventi chirurgici, ha perso molto sangue, non si sa se ce la farà. 

 

LEGGI ANCHE - Quel passato che non è mai passato (F. Camon)  

 

In pochi secondi, all’interno della cucina del professionista, a mezzanotte di domenica, si sono ribaltati i ruoli. Fino a quell’istante era il ragazzo a proclamarsi vittima di molestie sessuali e il dottore era il presunto autore di episodi avvenuti quando il suo ospite era ancora minorenne. Ospite. Perché i due, in quella casa, hanno convissuto a lungo. Durante un difficile periodo famigliare, il medico si era offerto di aiutarlo e di prenderlo con sé. All’epoca faceva l’allenatore del settore giovanile della locale squadra di calcio. L’adolescente aveva bisogno di attenzioni: necessitava di un sostegno e lui glielo offrì. Un legame durato ben dieci anni, con l’uomo che ha pagato gli studi e perfino trovato un lavoro a quel ragazzetto oggi diventato uomo. Ma proprio quando è entrato nell’età adulta l’ormai ex calciatore ha formulato l’accusa infamante nei confronti di colui che doveva essere, al contrario, il suo protettore, la sua fonte di ispirazione, la salvezza da un’esistenza poco agiata. 

 

Sulla scorta delle dichiarazioni circostanziate del ragazzo sono scattate le indagini, che hanno permesso di individuare nel computer di casa del medico del materiale pedo-pornografico. Tra le varie accuse, quella pesantissima di adescare minori via internet. Per questa ragione, l’inchiesta è stata trasferita alla Direzione distrettuale antimafia di Trieste competente per questa tipologia di crimini. Qualche settimana fa, di fronte al Gup l’indagato non ha scelto riti alternativi, convinto di poter dimostrare la propria estraneità. «Quel computer lo usavano tutti - si è difeso -: casa mia è sempre stata un approdo per tanti giovani. Non c’era password. Vi navigavano anche colui che mi accusa e i suoi amici». 

 

La prima udienza dibattimentale è fissata per il mese di febbraio, a Pordenone. Il ragazzo che si è fatto uomo non ha saputo attendere. È tornato in quell’abitazione, ha affrontato il medico e lo ha colpito. Il ferito poteva morire dissanguato. Invece ha raggiunto il cellulare, ha composto il 112 e ai soccorritori, con un filo di voce, invocando aiuto, ha sussurrato il nome del suo aggressore, usando le quattro lettere del diminutivo con cui lo ha sempre chiamato confidenzialmente. «È stato lui». 

 

Prima ancora che si costituisse, i carabinieri coordinati dal tenente colonnello Marco Campaldini avevano predisposto posti di blocco e circondato la casa dove il giovane abita con alcuni parenti, sempre in paese. Una comunità piccola, dove fino a ieri tutti pensavano di conoscersi. Scoprendo infine che sul medico stimato, mister di intere generazioni di baby calciatori, c’era l’ombra della pedofilia. E che quel ragazzino difficile si era trasformato in un potenziale assassino. 

 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno