Rinnovo patente: cosa si deve fare?


Pubblicato il 10/12/2017
Ultima modifica il 10/12/2017 alle ore 10:20

Il rinnovo della patente è un’incombenza fastidiosa, spesso difficile da ricordare. E che ci differenzia, come tante altre cose, dagli altri Paesi Europei.
E’ ancora lontana infatti l’armonizzazione delle normative Europee in tema di patenti di guida.

Per esempio: in Spagna la patente scade ogni 10 anni fino al compimento dei 65 anni, in Belgio la patente non si rinnova fino al compimento dei 70 anni, poi si rinnova ogni 3 anni. In Francia invece la patente non ha una scadenza e non bisogna ricorrere alla certificazione medica. E ancora: in Lussemburgo  a 50 anni si cambia solo la fotografia,  poi si rinnova ogni 5 anni fino a 70 anni di età,  poi ogni 2. In Grecia vale fino a  65 anni poi si rinnova ogni 3 anni.

Stessa Unione Europea insomma ma normative assai diverse tra loro.

Con questo articolo cerchiamo di dare risposta alle domande più frequenti che riguardano il rinnovo della patente.

Mettiti alla prova con i quiz relativi all’argomento patenti

Quando scade la patente?

 



La scadenza della patente è riportata sul documento di guida al punto 4b

In linea di principio possiamo dire che,  le patenti A e B la patenti vanno rinnovate:
– ogni 10 anni per chi non ha ancora compiuto 50 anni
– ogni 5 anni per chi ha un’età compresa tra i 50 ed i 70 anni
– ogni 3 anni per chi ha un età compresa tra i 70 e gli 80 anni
– ogni 2 anni per chi ha più di 80 anni

Cosa si deve fare per  rinnovare la patente?

Sottoporsi ad accertamento sanitario (visita medica). Questa visita deve essere fatta  da un medico abilitato e riconosciuto dal Ministero dei Trasporti. E’ possibile verificare l’elenco completo dei medici certificatori nell’apposita pagina del sito del Ministero dei trasporti


Sono medici delle:
– Forze armate (ufficiali medici militari)
– Polizia di Stato
– Carabinieri
– Guardia di Finanza
– Vigili del Fuoco
– Corpo forestale dello Stato
– Aeronautica Militare
– A.S.L

Quando si può rinnovare la patente?

Per rinnovare la patente devono mancare meno di 4 mesi alla data di scadenza indicata sul documento al Punto 4b  e non devono essere passati più di 3 anni. Passati 3 anni dalla data di scadenza la Motorizzazione oltre alla certificazione medica, può richiedere di sottoporsi ad esami di revisione (esami di teoria e di guida) anche se non esiste una circolare chiara ed esaustiva a tal proposito.

Cosa serve per rinnovare la patente?

Per rinnovare la patente serve la visita medica fatta da un ufficiale medico di cui abbiamo parlato in precedenza.

Durante l’inserimento telematico il medico deve introdurre:

gli estremi di pagamento dei diritti della Motorizzazione di euro 10,20 versati su c/c 9001 gli estremi di pagamento dei diritti relativi l’imposta di bollo di euro 16,00 versati su c/c 4028 inserisce una foto del titolare della patente in formato jpg inserisce la scansione della firma del titolare della patente in formato jpg Come si rinnova la patente?

Il rinnovo della patente consiste nell’accertamento sanitario.

Tempo fa, dopo essersi sottoposti a visita, il certificato medico veniva  portato con la patente in prefettura la quale apponeva un timbro che riportava la nuova scadenza.

Poi c’è stato il periodo dei tagliandi adesivi: dopo la visita il medico trasmetteva alla Motorizzazione l’esito della visita e la Motorizzazione inviava al domicilio del titolare della patente, un tagliando adesivo da incollare sulla vecchia patente di guida.

Adesso quando si fa il rinnovo della patente si fa automaticamente il duplicato della patente stessa.

Per questa ragione vengono richiesti la scansione della firma che deve essere riportata sulla nuova patente ed una foto in formato jpg che viene poi riportata sulla nuova patente di guida.

Posso rinnovare la patente in caso di furto o smarrimento?

Il duplicato automatico della patente non può essere fatto in caso di furto o smarrimento del vecchio documento di guida. In questo caso il medico esegue  l’accertamento sanitario, successivamente il titolare di patente deve recarsi presso un ufficio provinciale della Motorizzazione e richiedere il duplicato della patente allegando il certificato medico in Bollo.

Posso guidare dopo la visita?

Dopo aver effettuato la visita il medico comunicherà alla Motorizzazione l’esito positivo dell’accertamento ed in tempo reale stamperà il “documento sostitutivo alla guida” che autorizza a guidare su tutto il territorio nazionale, anche se la patente è scaduta.

Il documento sostitutivo però  NON AUTORIZZA a guidare all’estero

Verificata la certificazione inviata telematicamente dal medico la validità della patente viene confermata dal Dipartimento dei Trasporti terrestri che invierà la nuova patente di guida al domicilio del richiedente attraverso una lettera assicurata. Il costo dell’assicurata, a carico del destinatario,  è di euro 6,86 e va pagata  al postino al momento della consegna del nuovo documento di guida. La patente può essere recapitata presso un domicilio diverso da quello di residenza ma NON ALL’ESTERO

Cos’è la regola del compleanno?

Dopo il primo rinnovo effettuato dopo l’entrata in vigore del decreto  del 1 Gennaio 2104, ma solo sulle patenti di categoria A e B (non sulle patenti superiori) sulla nuova patente verrà riportata la data di scadenza coincidente con la data del proprio compleanno.

Naturalmente la patente di categoria A e B verrà rinnovata per 10 anni a chi non ha compito 50 anni, 5 anni a chi ha un’età compresa tra i 50 ed i 70 anni, 3 anni a chi ha un età compresa tra i 70 e gli 80 anni, 2 anni per chi ha compiuto 80 anni

Patente nuova : non esistono più gli adesivi

Con le nuove procedure ogni volta che si rinnova la patente viene stampato un nuovo documento di guida. Questo è il motivo per cui viene richiesta una foto tessera (o la scansione di una foto in formato jpg) e la scansione della firma (che può essere fatta davanti al medico accertatore).

Non ci sono più i tagliandi adesivi da incollare sulla vecchia patente perchè non ritenuti più idonei dalle Istituzioni Europee.

Costidel rinnovo della patente

i costi che si devono affrontare per il rinnovo della patente sono:

costo della visita medica (varia in funzione del medico) 10,20 €: costo dei diritti della Motorizzazione da versare su c/c 9001 intestato al Ministero dei Trasporti 16,00 €: costo dell’imposta di bollo da versare su c/c 4028 costo del servizio dell’autoscuola Dove posso rinnovare la patente

La patente può essere rinnovata presso lo studio medico di uno dei medici certificatori inseriti nell’apposito elenco stilato dalla Motorizzazione, oppure presso lo studio medico di un’autoscuola, o ancora presso gli uffici delle Ferrovie dello Stato o presso l’ASL

Rinnovo  patente on line: cos’è?

Più che rinnovare la patente, on line si può prenotare la visita necessaria al rinnovo e che va fatta negli studi medici come detto in precedenza.

La stampa ospita da tempo il primo sito nato per offrire questo servizio: rinnovopatenti.it, un network di medici certificatori e di autoscuole che permette in modo semplice ed immediato di verificare:

il costo della visita e quindi del rinnovo la data e l’orario di ricevimento del medico E’ sufficiente selezionare la città dove si desidera fare la visita (è indipendente dalla propria residenza) per verificare  le varie offerte con orari e prezzi. Si prenota compilando un semplice form: il pagamento va  fatto al medico o all’autoscuola dopo la visita.

Il servizio è attivo in diverse città tra cui Torino, Milano, Roma, Bologna, Firenze e Genova

 

home

home