Apple Music perde un manager: Jimmy Iovine lascerà la compagnia

Fondatore di Interscope Records, ora parte di Universal Music, Iovine è stato ingegnere di registrazione per leggende come John Lennon e Bruce Springsteen. Il suo ruolo è stato fondamentale per il lancio del servizio di streaming musicale della Mela

Il Ceo di Apple Tim Cook (a sinistra) con Jimmy Iovine (a destra)


Pubblicato il 07/01/2018
Ultima modifica il 07/01/2018 alle ore 20:23

Apple Music, il servizio di musica in streaming della Mela, si prepara a perdere un manager. Stando ad alcune indiscrezioni di stampa, infatti, il produttore musicale Jimmy Iovine avrebbe intenzione di lasciare la compagnia ad agosto, quando saranno maturate le azioni in suo possesso. 

 

L’uscita di Iovine da Apple è stata riferita dal sito di rumors musicali Hit Daily Double e rilanciata da Billboard. Il manager era arrivato a Cupertino nel 2014 in seguito all’acquisizione da 3 miliardi di dollari di Beats Electronics, società che aveva fondato insieme a Dr. Dre. 

 

Anche grazie a Iovine, Apple Music è diventato il secondo servizio al mondo di musica in streaming, con 30 milioni di abbonati dichiarati nel settembre scorso. Al primo posto c’è Spotify, che ha appena reso noto di aver raggiunto i 70 milioni di utenti paganti. 

 

Fondatore dell’Interscope Records, ora parte di Universal Music, Iovine è stato ingegnere di registrazione per leggende come John Lennon e Bruce Springsteen, e ha prodotto artisti come Patti Smith e gli U2. 

home

home