Residenti e commercianti di Aosta hanno fatto ricorso al Tar contro le nuove regole per le Ztl

Secondo l’avvocato Fabio Alicata sarebbero nuove tasse camuffate.


Pubblicato il 01/02/2018
Ultima modifica il 02/02/2018 alle ore 10:11
aosta

Atti «illegittimi e gravemente lesivi dei propri diritti e interessi». Dopo le proteste, i residenti e i commercianti delle Zone a traffico limitato di Aosta hanno fatto ricorso al Tar contro il nuovo regolamento sulle Ztl e l’annullamento delle agevolazioni per la sosta in centro ai residenti. Assistiti dall’avvocato Fabio Alicata, catanese che spesso affianca nelle azioni legali la Confcommercio, residenti e commercianti lamentano in particolare «oneri ingiustificati sui cittadini e sui negozianti del centro storico, introducendo, di fatto, nuove forme di tassazione». 

 

IL CASO Nella giungla delle Ztl di Aosta c’è chi ha 50 pass ma 1 solo posto auto  

 

Per i commercianti, «l’abolizione della fascia oraria di libero carico e scarico delle merci dalle 7 alle 8 e il correlato obbligo di corrispondere al Comune una somma per ogni accesso di 5 euro al giorno comporta un ingiustificato aggravio di costi diretto ed indiretto, che in alcuni casi, può superare 1.500 euro l’anno» scrive Alicata in una nota. I commercianti contestano anche l’illegittimità di non aver escluso dai limiti «i veicoli commerciali adibiti al trasporto delle merci deperibili, ovvero quelli adibiti al trasporto di prodotti che richiedono la non interruzione della “catena del freddo”». 

 

Per i residenti, le nuove norme sarebbero «gravose e vessatorie». Dopo l’abolizione delle agevolazioni ai parcometri tramite il «tasto giallo», il forfait annuale per la sosta sarebbe «oneroso e ingiustificato» anche perché indipendente dall’effettivo utilizzo dei parcheggi blu e sarebbe «vessatoria l’esclusione dalla validità dell’abbonamento per le zone di sosta a pagamento cittadine a tariffa 2 euro l’ora, che sono il più vicino spazio di sosta per i cittadini del centro storico maggiormente interessati». 

 

Alicata fa anche una considerazione finale: «Con queste nuove misure imposte dal Comune il centro storico, già soffocato, viene ulteriormente gravato di restrizioni e ulteriori costi, tutti a carico di residenti e commercianti». 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno

Scemocrazia

Copyright © 2018